Bellezza: Perché “spazzolare” il corpo, a cosa fa bene

Il sistema linfatico è composto da linfa, vasi linfatici e tessuto linfoide.

I diversi fluidi corporei svolgono un ruolo essenziale per la salute, i liquidi stagnanti possono ristagnare favorendo lo sviluppo di varie malattie. È quindi essenziale aiutare la circolazione per il benessere quotidiano, l’esercizio fisico è una tecnica preziosa perché attiva e autonoma. Per questo motivo non dobbiamo dimenticare quanto sia importante godere di una corretta circolazione linfatica.

La pelle è il più grande dei nostri organi, funge da sostegno ad altri organi primari come il fegato e i reni, che possono soffrirne, se hanno difficoltà ad eliminare gli elementi di rifiuto. Inoltre le ghiandole sudoripare consentono l’eliminazione delle scorie acide, mentre le ghiandole sebacee permettono l’eliminazione delle scorie grasse.

Spazzolare il corpo rientra tra quelle pratiche da fare tutti i giorni, perché agendo in forma passiva, favorisce la buona circolazione.

La spazzolatura a secco libera i pori per favorire questa eliminazione attiva la circolazione sanguigna e linfatica (e quindi l’eliminazione dei rifiuti). Si tratta di un “straordinario e importante aiuto nella disintossicazione”, che possiamo mettere in pratica da soli, con un relativo miglioramento del sistema immunitario che in tal modo viene potenziato.

La spazzolatura a secco è uno dei modi migliori per pulire la pelle senza rimuovere lo strato protettivo di acidi e oli. Rimuove delicatamente ed efficacemente le cellule morte dello strato superiore con l’accumulo di sporco e acidi e deterge in profondità i pori.

Gli effetti visibili della spazzolatura a secco sono un immediato benessere, la pelle respirando, risulta più morbida e radiosa con i tessuti rassodati, la cellulite a “buccia d’arancia” ridotta, grazie alla sua azione esfoliante meccanica.